Purificare un ambiente dalle energie negative

E’ capitato a tutti di entrare in una stanza e sentirsi a disagio, oppressi da qualcosa che non si capisce bene. In quel caso diciamo che “c’è un’aria che si taglia col coltello”.

Accade che gli ambienti in cui viviamo assorbano le nostre energie e le restituiscano.

Se in una stanza c’è stata una lite furibonda, l’energia negativa ristagnerà e si farà sentire.

Se in una casa si litiga spesso o ci sono grosse preoccupazioni, l’energia negativa si accumulerà giorno dopo giorno, rendendo l’abitazione “energicamente invivibile”.

Vivere in un ambiente energicamente pesante ci procurerà frequenti mal di testa, insonnia ed una sensazione generale di lieve ma continuativo malessere.

Fortunatamente ci sono diversi sistemi per purificare un ambiente, e sono tutti piuttosto semplici

  • Chi ha l’attivazione Reiki sa già cosa fare, userà la canalizzazione per equilibrare le energie dell’ambiente. Questo è in assoluto il mezzo più potente, soprattutto con i simboli del secondo livello, ma non tutti possono utilizzarlo, purtroppo.
  • E’ molto utile anche meditare quotidianamente nella stanza da purificare, la meditazione scatena infatti energie positive.
  • Si può bruciare incenso (il fumo “imprigiona” le energie negative) e successivamente dare aria alla stanza.
  • Un altro sistema semplicissimo è posizionare agli angoli delle stanze una ciotola con sale grosso, questo attira le energie negative (ed anche l’umidità, quindi fungerà anche da blando deumidificatore!), dopo qualche giorno basterà buttarlo via.

Ma il sistema più semplice ed efficace è la salvia bianca download

Accendete un mazzetto di salvia bianca e con il suo fumo inondate la casa, insistendo in particolare negli angoli delle stanze, dove l’energia tende a ristagnare. Quando avrete toccato tutte le stanze della casa, aprite le finestre e date aria. Noterete subito la differenza!

2 commenti:

  1. Pingback:Dove meditare - La vita olistica

  2. Pingback:4 modi per riequilibrare i tuoi Chakra - La vita olistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *