Muladhara, il primo Chakra

Muladhara è il primo dei Raja Chakra e si trova all’altezza del perineo.

Mula significa radice, base.

Adhara (supporto) deriva invece dalla stessa radice di Dharani, uno dei nomi della Dea Terra.

 Il primo chakra  fa da sostegno e fondamento a tutti gli altri, rappresenta la stabilità, la nostra base, le nostre radici. 

Chi ha un Muladhara Chakra ben funzionante sarà una persona equilibrata, con radici profonde e solidi valori.

Sarà una persona che ha avuto un’infanzia serena, il cui arrivo è stato ben accettato dai genitori e che si è sentita al sicuro nel suo primo anno di vita (questo chakra si forma tra i primi tre mesi della gravidanza ed i dodici mesi di vita).

Lo squilibrio di questo Chakra comporta paure immotivate per il futuro, sensazione di smarrimento. Paure economiche immotivate.

Un sintomo di forte squilibrio è la sensazione di non aver diritto a niente di ciò che abbiamo, quasi che non avessimo diritto di esistere.

L’elemento collegato a Muladhara Chakra è la terra, il suo colore è il rosso, il suo mantra il LAM, il suo diritto fondamentale è “Io esisto, io sono”, il suo Demone la paura.

Possiamo riequilibrare Muladhara:

  • Camminando a piedi scalzi, meglio se all’aperto. A contatto con il terreno potrai sentire tutta la forza di Madre Terra. Va benissimo sull’erba ma anche sulla sabbia.
  • Riempiendo la tua vita di rosso: vestiti, biancheria per la casa o un bel gioiello aiuteranno senz’altro il tuo Chakra della radice.
  • Meditando cantando il mantra LAM, oppure il diritto fondamentale di questo Chakra “Io esisto”. Se ti va puoi utilizzare la Mala, che ti aiuterà a tenere il conto dei mantra, ma anche a mantenere la concentrazione.

Se lo squilibrio è molto accentuato, o cronico (pensiamo, per esempio a chi è nato in zone di guerra, dove la paura di morire è all’ordine del giorno), sarà utile rivolgersi ad un operatore Reiki, che potrà sottoporci ad un trattamento di riequilibrio.

Non è escluso che ci sia necessità di psicoterapia, quando i traumi subiti siano stati molto forti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *