Il “mio” yoga

Ho iniziato a praticare yoga su consiglio del mio medico. Ho due (due!) ernie alla cervicale e mi stavano facendo impazzire.

Dolore cronico a collo e spalla sinistra, incapacità di ruotare la testa e perdita della sensibilità di indice e medio della mano sinistra…una trentasettenne con i dolori di un’ottayoga-2ntenne!

Così, poco convinta, ho provato. Credevo che non fosse adatto a me, troppo statico, pensavo mi sarei addormentata (ah!) non ne sapevo molto…non ne sapevo niente.

Ho praticato per tre anni, e mi si è aperto un mondo, ed ho imparato un po’ di cose.

Intanto è fisicamente impossibile addormentarsi in natarajasana (immagine)
od in qualunque asana che non sia savasana (anche detta posizione del cadavere, ci siamo capiti) e poi ho scoperto che lo yoga non è affatto statico, è dinamico e muove il corpo, e muove la mente, e muove l’anima…

E sono più elastica, ed i dolori sono quasi scomparsi.

Adesso, per motivi indipendenti dalla mia volontà,  non sto praticando da qualche mese e sto male, a gennaio spero di poter iniziare di nuovo…lo spero davvero.

Un commento:

  1. Pingback:3 Motivi per cui dovresti iniziare con lo yoga - La vita olistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *